Calcio a Sette: la partita del cuore

Questa volta parliamo non della classica partita di beneficenza della nazionale cantanti ma della partita del miclub ieri sera al Bettinelli, una partita giocata e vinta con il cuore appunto.

Il miclub infatti ha affrontato il President Calcio, terza in classifica, con l’umiltà di chi sa che deve soffrire per arrivare al risultato. Si è vista grande attenzione e spirito di sacrificio contro un avversario ben rodato e più forte fisicamente.

Nel primo tempo la squadra ha anche un po’ sbandato, in qualche occasione, come nell’azione con parata di Santarpia che ha deviato la palla sul palo, ma miclub ha tenuto duro e in fondo ha creato, di rimessa, qualche occasione da goal.

Nel secondo i meccanismi sono stati registrati ed è aumentata la determinazione, nella consapevolezza che con il trascorrere dei minuti il traguardo si avvicinava. La squadra avversaria, seppure esercitando un netto predominio territoriale, non ha più trovato sbocchi, mentre in un paio di occasioni il miclub ha sfiorato clamorosamente il goal che è poi arrivato a metà del tempo, con un destro rasoterra ad incrociare di Beccheroni. President non riesce a cambiare passo e addirittura quasi allo scadere arriva il secondo goal, mentre dall’altra parte c’è stata solo una parata impegnativa per l’estremo difensore del miclub.

Nello scorso post abbiamo inserito una canzone dedicata a Facchetti e Scirea, oggi la partita suggerisce prepotentemente la canzone che Ligabue (link al video uffciale) ha dedicato a Lele Oriali, una vita da mediano “a recuperar palloni/ nato senza i piedi buoni/ lavorare sui polmoni” e come immagine ancora un quadro di Andrea del Pesco con Zanetti e Maldini, due giocatri si dai piedi buoni ma che sopratutto non hanno mai fatto mancare di macinar chilometri in campo per le loro squadre.

Armwrestling: Adrian tiene alta la bandiera dell’Italia ai mondiali

Si sono appena conclusi in Kazakhistan i mondiali di Armwrestling (braccio di ferro!) organizzati dalla W.A.F. World Armwrestling Federation cui ha partecipato il nostro Adrian Lutai, in qualità di neo campione italiano, risultato ottenuto lo scorso settembre a Livorno.

Adrian, al suo esordio in una competizione di livello mondiale, ha raggiunto nella categoria destro 90 kg un grande decimo posto, che lo ha caricato ulteriormente nella prospettiva delle prossime competizioni da affrontare.

Infatti Adrian ha ripreso in palestra gli allenamenti con sempre più intensità con la certezza che potremo vederlo arrivare sul podio ai prossimi europei.

Adrian Lutai con il presidente della federazione Italiana

Natale 2011 al miclub, che bella festa!!!

Che bella festa per il primo Natale del miclub!!!

Tanti amici che sono venuti a trovarci e che ci hanno portato tante cose buone da mangiare, vogliamo che questo debba sia lo spirito che ci contraddistingue, la voglia di stare insieme con un sorriso, tirando su i manubri, inseguendo i passi di Antonella o semplicemente davanti ad una fetta di salame innaffiata da un buon rosso.

Grazie a tutti quelli che sono intervenuti che hanno portato con se l’allegria ed il buon umore ma grazie anche a quelli che purtroppo avevano un impegno e non ci sono potuti essere….   non preoccupatevi…. ci rifaremo!!!!

GRAZIE!!!!

p.s. le foto sono su Facebook

festa di natale miclub 2011

Martedi 13 tutti al miclub!! Open day per la prima festa dell’Associazione per Natale

buffet festa di nataleIl miclub festeggia il Natale e i suoi primi mesi di vita con una grande festa aperta a tutti gli associati ma anche a tutti gli amici del quartiere che vorranno partecipare.

L’ingresso è ovviamento gratuito e salami e formaggi a volontà aiuteranno a trascorrere qualche ora in allegria presso la nostra sede, naturalmente chi vorrà portare un manicaretto preparato con le proprie mani sarà il benvenuto.
Si comincia dalle 19.30

Calcio a sette: la classifica comincia a sorridere

Il miclub ottiene il suo terzo risultato utile, 3 a 2, utile per raggiungere la quarta in classifica e cominciare a “pensare positivo”.

Il risultato è rimasto in bilico per tutta la partita ma per fortuna l’incontro si è chiuso con il miclub in vantaggio, però è ora di dimostrare il proprio valore anche con le squadre di testa. Infatti, dopo la pausa per il ponte di S.Ambrogio, Miclub incontra President Calcio che chiude, con 13 punti, il terzetto delle prime squadre.

Come buon augurio abbiamo aggiunto a questo post l’immagine del quadro di un caro amico dell’associazione, Andrea del Pesco, dedicato a uno dei grandi signori del calcio, la bandiera dell’Inter Giacinto Facchetti.

Come sottofondo ci sembra giusto ascoltare una canzone degli stadio dedicata proprio a Giacinto e a un’altro grandissimo del calcio, Gaetano Scirea, bandiera di un’altra squadra italiana, la Juventus, a ricordare che le velenose polemiche degli ultimi anni appaiono ridicole davanti alla sportività e alla signorilità di questi due grandi.

Questo è il calcio e lo sport che ci piace, quello che piace a tutti gli amici del miclub, quello in cui tutto finisce in un divertente sfottò mentre si fa cyclette o davanti a un bicchiere di birra a un tavolino di un bar

Triangolare di soft boxe al Centro Carraro: la vittoria di Francesca

Ostinatevi pure a chiamarlo “sesso debole”…

Francesa è una degli atleti del miclub che ha ottenuto la vittoria al triangolare di soft boxe tenutosi al centro Carraro lo scorso sabato. Ma più che parlare di vittorie per noi è importante parlare di sport, di quello sport per tutti che è la mission della nostra associazione.

Tre delle realtà più attive nella soft boxe milanese hanno dato vita sabato scorso ad un triangolare pensato per promuovere questa disciplina: Domino, Ottavio Tazzi e Miclub hanno organizzato una riunione che ha visto protagonisti i boxeur non boxeur, per cui l’aspetto agonistico finisce per essere di secondo piano rispetto all’obiettivo, perfettamente centrato, di stare insieme solo per fare sport nel pieno rispetto dello spirito di sana competizione.

Non vogliamo quindi celebrare le buone prestazioni degli atleti del miclub, così da non non far torto a nessuno dei partecipanti delle altre palestre, ma solo augurarci di vedere ancora tante occasioni di questo genere.